Voglia di gelato. Guida all'acquisto

Immagine fotografica su gentile concessione del Maestro Beppo Tonon
E’ noto che il gelato artigianale fresco di giornata è un’altra cosa rispetto ai gelati confezionati.

Molti consumatori si chiedono come si fa a riconoscere quello buono, il gelato di qualità?
Buona norma è quella di fare sempre attenzione alla dichiarazione obbligatoria del prodotto che si vuole acquistare.

Se un gelato viene dichiarato composto da ingredienti naturali, quindi vera frutta e non aromi di frutta, deve anche rispettare la dichiarazione, pena una multa severa e l’incriminazione di frode in commercio.

Oltre a questo si deve stare attenti alle caratteristiche particolari di classificazione, in altre parole al “tipo di gelato” che viene messo in commercio.
In Germania esistono otto tipi differenti di gelato:
1. Kremeeis, Cremeeis, Eierkremeis, Eiercremeeis
2. Rahmeis, Sahneeis, Fürst Pückler Eis
3. Milcheis
4. Eiskrem, Eiscreme
5. Fruchteis
6. Fruchteiskrem, Fruchteiscreme
7. (Frucht)-Sorbet
8. Wassereis

Ogni tipo di gelato deve rispettare delle norme previste dal legislatore, ad esempio il gelato al latte, per poter essere definito tale, deve contenere almeno il 70% di latte sul prodotto finito, pari a 2,45% di grasso derivato dal latte, mentre l’Eiscreme deve contenere almeno il 10% di grasso derivante dal latte. Nel Fruchteis la parte di frutta presente non deve essere meno del 20%, mentre per una qualità di gelato superiore, come ad esempio il “Frucht-Sorbet” la parte di frutta presente deve corrispondere almeno al 25%.