Alimenti

Frutta e verdura nel tempo si sono impoverite

Bimba che mangia un gelatoLa mela che tieni in mano, non è uguale a quella di 20 anni fa. Nel senso che non ha le stesse virtù nutritive che aveva una volta. Perché? A causa delle coltivazioni intensive e del conseguente depauperamento dei terreni agricoli, dell’aumento dell’inquinamento, dei processi industriali che denaturano gli alimenti e anche delle leggi della distribuzione che impongono tempi di conservazione sempre più lunghi: per tutte queste ragioni gli alimenti che arrivano sulla nostra tavola contengono sempre più additivi chimici (conservanti, coloranti, esaltatori di sapore, aromi, etc.) e sempre meno sostanze nutrienti. Di conseguenza bisognerebbe aumentare i consumi di frutta e verdura per ottenere la copertura dei fabbisogni nutrizionali, in termini di vitamine e minerali. Purtroppo i nostri consumi sono molto lontani anche dalle 5 porzioni quotidiane che ciascuno di noi, soprattutto i bambini, dovrebbero assumere: 4 italiani su 10 infatti non mangiano neppure un frutto o una porzione di verdura al giorno.

Prima i bambini imparano a mangiare frutta e verdura, meglio è
Lo scarso apporto vitaminico, insieme a una dieta eccessivamente ricca di proteine, grassi e zuccheri, sono le cause principali dei problemi di sovrappeso e obesità in età infantile. Infatti un’indagine compiuta nelle scuole italiane dal Ministero della Salute e delle Politiche Sociali, è emerso che nel nostro paese ogni 100 bambini delle elementari 24 sono in sovrappeso e 12 rischiano addirittura l’obesità. Un’altra evidenza di questa ricerca è la scarsa presenza nella dieta dei nostri ragazzi di vitamine e minerali. Ovvero la scarsa abitudine a consumare regolarmente frutta e verdura. Un vero peccato che i nostri bambini non facciano follie per questi alimenti, fondamentali non solo per la loro salute attuale, ma anche come fattore di prevenzione di molte problematiche in età adulta. Quindi, insegniamo loro a mangiare regolarmente frutta e verdura: magari dando il buon esempio e mangiandone di più anche noi!

Articoli correlati