Editoriale

Il rinnovo del Consiglio: perché è importante votare

Un’associazione di imprenditori, come Uniteis e.V., ha peso anche in quanto è attivamente riconosciuta dai suoi soci. Il metro più visibile per misurare il tasso di partecipazione è il numero di quanti esprimono il voto per l’elezione dei rappresentanti alla sua guida.

Se la stragrande dei soci compie il diritto e il dovere di voto vuol dire che sono sensibili alla democrazia associativa, che credono nei loro rappresentanti e che sono quindi attenti a programmi, progetti e attività.

Votare significa prendere parte a scelte e decisioni attraverso chi si è votato. E’ perciò importante votare ed è altrettanto importante scegliere persone autorevoli, rappresentative, capaci, preparate, disponibili, impegnate, generose. Usiamo tanti aggettivi qualificativi perché riteniamo doveroso sottolineare come la criticità del momento comporti la necessità di poter contare su un Consiglio direttivo di Uniteis e.V. prestigioso, decisionale, operativo e lungimirante, in grado, in altri termini, di dare risposte concrete alle tante attese dei gelatieri italiani in Germania.

Le candidature, che erano aperte a tutti, nel senso che tutti i gelatieri soci aventi diritto potevano proporsi, sono state presentate, e tra poco si apriranno le urne.

Si voterà per posta secondo criteri ben consolidati e che hanno dimostrato efficienza e funzionalità.

I gelatieri italiani in Germania finora si sono dimostrati sempre sensibili e solerti, siamo convinti quindi che anche questa volta si avrà un’alta partecipazione al voto.

Gli eletti formeranno il nuovo Consiglio direttivo che sceglierà quindi la presidenza. Sarà la prossima assemblea annuale a confermare e legittimare il voto, la quale, come da sempre, è in programma a Longarone, in occasione della Mostra internazionale del gelato artigianale.

Dunque, tutti a votare, avendo idee chiare su obiettivi e quindi su chi votare. Il futuro della nostra Uniteis e.V. avrà il volto di chi sceglieremo, di chi al quale affideremo il ruolo di interprete dei programmi e quindi guida.

Dino Dall’Anese

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Close