Editoriale

Grazie a tutti i candidati. In bocca al lupo…

E’ tempo di votare, di scegliere gli uomini che “governeranno” l’Unione dei gelatieri italiani in Germania, l’associazione che rappresenta una bella realtà imprenditoriale, ricca di storia, di impegno, di lavoro sociale e di solidarietà. E che ha ancora grandi potenzialità.

Si è completata la presentazione delle candidature. Molti colleghi si sono fatti avanti, confermando impegno e disponibilità.

Ci sono candidati che da molto tempo si dedicano all’associazione, e ci sono alcuni nomi nuovi.

E’ un gruppo di colleghi che nell’insieme dà un’immagine positiva dei gelatieri italiani in Germania e fa prevedere un ottimo lavoro.

C’è rinnovamento e, nello stesso tempo, continuità negli uomini che si sono fatti avanti che quindi saranno votati da tutti i gelatieri soci.

A tutti faccio il più caloroso saluto. Lavorare in associazione è un’esperienza molto positiva. Ti fa sentire parte di un mondo imprenditoriale vivace e attento a capire che cosa si muove intorno per così poterlo meglio dominare.

C’è la soddisfazione di fare qualcosa di buono e di valido per la categoria, che ha sempre tanti problemi da risolvere, pur avendo, in questi ultimi anni, camminato molto e dato tante risposte positive.

E’ un impegno che comporta generosità, disponibilità di tempo, sensibilità sociale, lavoro.

Talvolta si rischia anche qualche critica ingenerosa perché non si riesce a dare quanto molti vorrebbero, i quali però non tengono conto di difficoltà e soprattutto delle capacità di risorse dell’associazione.

Per tutte queste considerazioni bisogna essere grati e dire grazie a coloro che si sono candidati, con il tradizionale augurio di “In bocca al lupo” a tutti.

Rivolgo, quindi, un invito ai soci (a tutti i soci) a votare, spedendo la propria scelta per posta entro i termini fissati.

E’ importante che si dimostri anche attraverso la partecipazione al voto di essere una categoria coesa, forte, motivata, che guarda avanti con decisione, avendo chiari obiettivi e scelte. E’ un modo questo di sostenere quanti saranno eletti, perché sentiranno che hanno alle spalle i soci.

Dino Dall’Anese

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Close