Editoriale

CHI DECIDE IL NOSTRO SUCCESSO?

Gentili Colleghe, cari colleghi,

ognuno di noi si propone in maniera personalizzata e unica, dato che abbiamo idee e modi di fare personali. Nell’ambiente artigiano ciò è considerato un vantaggio, dato che il consumatore ha la possibilità di decidere secondo i propri parametri e non riceve un’offerta standardizzata, ma individuale. Capire le esigenze del consumatore è indispensabile per il successo nel nostro lavoro. Non tutti abbiamo la stessa tipologia di negozio; chi si trova in centri ad alta frequenza, solitamente non ha un contatto diretto con il cliente. Viceversa, chi lavora in piccole città, ha un contatto quasi familiare con i frequentatori del locale. Se riusciamo ad avvicinare il consumatore capendo ciò che desidera da noi o dal nostro locale, avremo una fidelizzazione che influirebbe positivamente sull’andamento dell’attività. Dobbiamo essere coscienti che il capitale più grande della nostra bottega è IL CLIENTE e come tale dobbiamo trattarlo.

All’inizio di luglio siamo stati ospiti dei Panificatori tedeschi a Dresda in occasione dell’annuale incontro organizzato dal Gruppo artigiani tedeschi del settore alimentare. Uno dei temi più importanti è la necessità di diminuire sale, grassi e zuccheri nella dieta innanzitutto dei bambini, in quanto in Germania c’è una grossa percentuale di bambini obesi che, se non viene cambiato il loro modo di alimentarsi, molto probabilmente dovranno affrontare durante la loro vita molti problemi derivanti dal sovrappeso, malattie vascolari e diabete, che abbassano la qualità di vita e incidono in maniera importante sui bilanci dei costi sanitari. Non vengono date per ora delle tabelle di riferimento; l’abbassare l’uso di questi ingredienti già aiuta a prevenire questa problematica.

Dopo il successo di Neuss, la mostra sui gelatieri del Basso Reno sta facendo tappa a Moers, cittadina vicino a Düsseldorf. L’interesse da parte di sedi culturali, come i musei, sulla vita dei gelatieri, ci dà visibilità e consenso da parte di chi fa cultura e conseguentemente anche da chi si nutre di cultura. La mostra non parla solamente della vita del gelatiere, ma fa capire le nostre origini, dandoci un’identità ben definita. Invito chi abita nella zona di Düsseldorf a visitare la mostra e condividere ciò che rappresenta.

Come già anticipato in assemblea e in altre occasioni, il progetto solidarietà 2018 si propone di aiutare la Veneto Retina Onlus a finanziare una macchina da usare all’ospedale di Camposampiero, eccellenza di oculistica. La Ret Cam serve a capire se un bambino nato prematuro stia sviluppando la retina, organo indispensabile alla vista. Se il neonato prematuro ha dei problemi in questo senso, mediante due sedute di pochi minuti, mediante un intervento con tecnica laser, avrà la possibilità di avere il dono della vista; in caso contrario sarà destinato a nascere cieco e vivere la propria vita da non vedente. Non aggiungo altro; l’augurio che ci facciamo è di riuscire ad aiutare in questa impresa in maniera forte e rapida in quanto prima la macchina sarà operativa, prima potremo aiutare dei bambini con problemi a vedere la propria mamma, il papà e i fratelli. In altre pagine di questo numero troverete ulteriori informazioni a riguardo.

Un buon fine estate a tutti voi,

Dario Olivier

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Close