Editoriale

ESPERIENZA, OPERATIVITÀ, CONTINUITÀ

Gentile socia, caro socio,

dopo un periodo logorante sotto tutti i punti di vista, mentre stiamo cercando una convivenza con il problema Corona-Virus, la vita deve continuare e prendere un corso quanto più possibile appagante.

Anche la vita associativa sta riprendendo la propria normalità e, come sapete, quest’anno siamo chiamati ad eleggere il nuovo Consiglio Direttivo che guiderà l’associazione per il prossimo quadriennio.
Il Consiglio Direttivo è composto da dodici Membri a cui si aggiungono per diritto gli ex Presidenti, quindi ci sarà un gruppo dirigente formato da sedici Consiglieri dove, in caso di parità nelle decisioni, il voto del Presidente avrà doppio peso.

Un Consiglio direttivo, secondo me, deve avere al suo interno vari tipi di rappresentanti, in modo da garantire esperienza, operatività e continuità all’associazione. L’esperienza viene data senz’altro dai Presidenti attuali e passati che negli anni hanno vissuto la vita associativa in prima fila e conoscono il mondo legato alle associazioni artigiane con contatti consolidati curati negli anni.

L’operatività viene garantita da chi momentaneamente guida l’associazione: il Consiglio Direttivo che concorda strategie e progetti.
La continuità viene data dalla rappresentanza di giovani colleghi che timidamente, ma con entusiasmo, iniziano un percorso di vita associativa che negli anni li porterà ad approfittare dell’esperienza dei più navigati e saranno i preparati dirigenti di domani!
Il tutto supportato da una Segreteria che sa quali compiti svolgere per portare i risultati voluti.

Mi sia permesso di portare una mia esperienza personale che, penso, ricalchi l’esperienza di tanti Consiglieri.
Quando, su invito di un Consigliere, con molti dubbi, ho inoltrato la mia candidatura, con mio grande stupore sono stato eletto e potevo far parte del Consiglio Direttivo di Uniteis!

Ricordo le prime riunioni con Maurizio Lucchetta Presidente, Vittorio Hoffer e Fausto Bortolot Vicepresidenti, Idolino Bertacco Segretario Generale dove, confesso capivo molto poco di quanto venisse discusso e prima di esprimere una mia opinione, per paura di dire cose sbagliate, ho aspettato più di un anno e negli anni, le persone di esperienza che allora mi sembravano inavvicinabili, sono diventate degli amici ai quali ancora mi rivolgo quando ho dei dubbi e sempre mi aiutano.

Cari giovani gelatieri, non abbiate timore di proporvi; troverete dei colleghi disponibili ad aiutarvi e faranno di voi degli accorti amministratori, arricchendo la vostra vita professionale e personale di esperienze da comunicare a tutti i soci!

Questo è lo spirito di un’associazione con un passato nobile, un presente certo e soprattutto un futuro esplosivo!

Con gratitudine a quanti vorranno proporsi.

Dario Olivier

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Close