Normative

Entrata in vigore dei divieti di fumare

Divieto di fumareQuando entreranno in vigore i divieti di fumare?

Dopo che le prime leggi a tutela dei non fumatori erano già entrate in vigore nei Länder del Baden-Württemberg, dell’Assia e della Bassa Sassonia, dal 1° di gennaio 2008 seguono i divieti di fumare anche in Baviera, Berlino, Brandeburgo, Brema, Amburgo, Meclemburgo-Pomerania Anteriore, Sassonia-Anhalt e Schleswig-Holstein. Nella Sassonia il divieto sarà applicato dal 1° febbraio, nella Renania-Palatinato e nella regione della Saar dal 15 di febbraio 2008. Anche il Nordreno-Westfalia e la Turingia ridurranno ampiamente il fumo nei locali gastronomici ma solo a partire dal mese di luglio 2008.

In alcuni Länder le multe si dovranno pagare solo dopo qualche mese. Ciò nonostante, si deve tenere presente che, anche se da parte dell’autorità competente non potranno essere ancora inflitte delle ammende in caso di contravvenzione alla nuova normativa, il divieto di fumare è comunque diritto vigente. Questo periodo di transizione, però, può essere sfruttato per preparare prudentemente il proprio locale e la clientela alla nuova situazione legale. Nella regione della Saar, per esempio, i nuovi regolamenti delle contravvenzioni entreranno in vigore solo il 1° di giugno del 2008, a Berlino e nel Brandeburgo il 1° di luglio e nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore il 1° di agosto.

Poiché già l’infrazione all’obbligo d’indicazione può essere causa di multe nei confronti dei ristoratori, consigliamo caldamente di contrassegnare fin dall’inizio chiaramente gli ambienti per fumatori e quelli per non fumatori (vedi punto 12). Per gli avventori e per i dipendenti, e nell’interesse di un regolare svolgimento dell’attività, riteniamo, inoltre, che sia utile segnalare delle zone per fumatori all’esterno del locale – l’ideale sarebbero degli spazi protetti e coperti da tettoia.

Per chi vale in linea di massima il divieto di fumare?

La normativa sul divieto di fumare si riferisce a locali gastronomici ai sensi della Legge sulla ristorazione, comprese le osterie cosiddette “Strauß- und Besenwirtschaften”. Il fumo è vietato “nei luoghi chiusi dei posti di mescita e di ristoro (Schank- und Speisewirtschaften)” e, quindi, non nella ristorazione esterna. Ne fanno parte tutti i locali in possesso di una licenza gastronomica come pure l’industria gastronomica esente da licenza (i bar come “Milchbar” o “Espressobar”). In tutti i Länder federali è permesso, in deroga al divieto generale di fumare nei ristoranti, predisporre degli ambienti separati per i fumatori.

Che cosa s’intende per “gastronomia monolocale” (Ein-Raum-Betrieb)?
Solamente la legislazione della regione della Saar prevede la possibilità di esonerare tutto il locale gastronomico dal divieto di fumare qualora questo sia gestito dal proprietario. Ciò presuppone che nessun’altra persona, oltre al gestore del locale, lavori nell’esercizio in qualità di dipendente ai sensi dell’art. 21 della Legge sulla ristorazione oppure come lavoratore autonomo, a meno che non si tratti puramente di un aiuto occasionale prestato da membri maggiorenni della famiglia del gestore. Regolamenti d’eccezione simili non sono previsti negli altri Länder. In questi, i piccoli locali che dispongono solo di un ambiente sono pienamente soggetti al divieto di fumare.

Che cosa vale per l’industria alberghiera?
Il divieto di fumare vale parimenti per tutti i bar e i ristoranti degli alberghi. Anche se gli esperti di diritto stanno ancora disputando sulla competenza regolamentativa dei Länder per il settore alberghiero, le formulazioni della legge lasciano supporre che il divieto di fumare si riferisca anche alle lobby, alle sale della reception e ad altri spazi accessibili al pubblico negli alberghi. Le camere d’albergo non sono considerate spazi pubblici. Qui è facoltà dell’albergatore definire se si tratta di camere per fumatori o per non fumatori. Per il resto dipenderà dalla valutazione del singolo caso. Determinante è, in ogni caso, se l’esercizio gastronomico appartiene o meno al settore dell’industria alberghiera sotto la definizione: posto di ristoro.

Articoli correlati