Uniteis

Gusto dell’anno 2010: Cantuccino

CantuccinoL’antica tradizione della gelateria veneta si sposa nel 2010 con la nobile tradizione pasticcera rinascimentale toscana e lancia in Germania un gusto dell’anno italianissimo – Cantuccino, gelato ai famosi biscotti con le mandorle -.
Un connubio eccellente per l’anniversario dei 10 anni dell’evento – Gusto dell’anno Uniteis e.V. in Germania, infatti grazie all’iniziativa “Gusto dell’anno ”, Uniteis e.V. è diventata leader nel suggerire un trend nel consumo di gelato in Germania e nel garantirsi una vetrina in primo piano presso i media tedeschi.

Il gusto “Cantuccino” potrà godere di un potenziale altissimo di popolarità, grazie ai biscotti amatissimi dai tedeschi, che potrebbe farlo entrare nel programma standard delle nostre gelaterie, così come lo è stato il “Latte Macchiato” qualche anno fa.

Il biscotto toscano Cantuccino, nato povero perché era lo scarto dei dolci per le tavole nobili, é diventato presto una delicatezza prelibata da abbinare al Vin Santo diffondendosi in tutta Italia e negli ultimi anche in Europa. Esso ha alle spalle un percorso simile a quello del gelato, nato come un prodotto povero, ma la cui bontà l’ha reso presto popolare diventando una leccornia prelibata per bambini e per adulti e diffondendosi in tutto il mondo.

Il Consiglio Direttivo di Uniteis e.V. propone per la stagione 2010 un gusto che fa onore alla grande tradizione gastronomica italiana, che ci ricorda che un importante capitolo della storia del gelato si trova nella Toscana Rinascimentale dei Medici. Proprio in quel periodo, quando in una pasticceria di Prato, nasce il biscotto “Cantuccio”, il gelato – grazie a Caterina de’ Medici – esce dai confini toscani per diffondersi in Francia e successivamente in Europa.

Il gelato ai biscotti Cantuccini sarà un gusto per i conoscitori e amanti del nostro paese, un gusto raffinato da servire anche solo con un ottimo caffè oppure con bicchierino di vin santo per un dessert particolare. Sarà un tentazione per gli adulti, golosi di nuove delizie, è allo stesso perfetto anche per la clientela più piccola, che ai biscotti non rinuncia mai. Sarà poi un gusto ottimo per coppe esclusive in tono autunnale e creazioni nel periodo natalizio. A parte il sapore, il nome noto del biscotto e la parola facile da pronunciare anche per uno straniero, sono ulteriori dettagli che contribuiranno a fargli avere successo.

Come è tradizione, la specialità dell’anno è stata presentata e fatta assaggiare durante Fiera a Longarone, secondo alcune ricette elaborate per la circostanza dai maestri gelatieri. Possibili variazioni con nocciole e non solo mandorle, con decorazioni di biscotti sbriciolati e cioccolato o pure abbinato al Vin Santo si potranno degustare in Germania presso le gelaterie dei Soci Uniteis e.V.
Dopo la presentazione a Longarone nel circolo degli addetti ai lavori, una intensa campagna promozionale in Germania è in programma per l’inizio della stagione 2010 a marzo. Con la campagna del gusto l’Associazione Uniteis e.V. mette in primo piano il messaggio che il vero gelato italiano artigianale viene prodotto con materie prime selezionate e genuine.
Dr. Annalisa Carnio
Ufficio Stampa Uniteis e.V. a Berlino

Articoli correlati