Varie

I crediti costeranno di più

Costo-creditiL’Associazione delle Casse di Risparmio della Bassa Sassonia presenta un bilancio positivo

Nel 2011 i depositi della clientela privata, delle imprese e degli enti pubblici sono cresciuti, presso le Casse di Risparmio della Bassa Sassonia, di 1,3 miliardi, arrivando così a quasi 65 miliardi di Euro. Con i ben 32,5 miliardi di Euro elargiti alle imprese, “le Casse di Risparmio hanno ancora una volta dimostrato di essere i primi finanziatori del ceto medio”, come ha dichiarato il Presidente dell’Associazione, Thomas Mang.

Per il finanziamento del ceto medio, però, ha dipinto prospettive fosche in vista della crescente regolamentazione delle banche per l’Accordo di Basilea 3. “I crediti concessi alle aziende costeranno di più. Dato che verrà richiesta una copertura patrimoniale maggiorata del 30% oltre alle maggiori difficoltà di rifinanziamento, prevediamo un aumento dei costi intorno ai 40 punti base. “Quello che indispone il banchiere è il fatto che le regolamentazioni, dopo la crisi finanziaria mondiale, vengono fatte “col taglia-erba, senza tener conto delle banche stabili che intrattengono rapporti concreti con la clientela.” Per questo motivo, Mang fa di nuovo insistentemente appello alla politica perché “sfrutti gli spazi di manovra nazionali nel processo di recepimento e adeguamento”.

A margine della presentazione del bilancio, Mang ha introdotto la tecnologia “Girogo”, un chip a trasmissione radio, che sarà il metodo di pagamento del futuro. Con questo sistema, i clienti delle Casse di Risparmio potranno pagare piccoli importi di denaro via radio, senza contante (denaro digitale). Nelle zone di Hannover, Braunschweig e Wolfsburg questa nuova tecnologia è in uso già dal 17 di aprile. Mang ha annunciato che da agosto seguirà, poi, la distribuzione in tutta la Germania delle nuove tessere (bancomat) delle Casse di Risparmio.

Giorgio Cendron

Articoli correlati

Potrebbe interessarti

Close